Costiera Cilentana, bellezza naturalistica



Costiera Cilentana

La Costiera Cilentana dove un mare cristallino, le bianche spiagge, si fondono con il verde degli ulivi e della macchia mediterranea.

La costa a Sud di Salerno è bassa e sabbiosa e non presenta alcun interesse, per cui vale la pena attraversare l'omonimo golfo fino ad Agropoli (porto sicuro e paesino da non perdere), oppure fare rotta verso Sud direttamente su Punta Licosa, a circa 50 miglia marine da Baia.

Continuando la rotta verso Sud, una sosta merita l'insenatura dell'Ogliastro, a poche miglia è Acciaroli, paesino molto caratteristico.
Continuando la navigazione lungo la costa del Cilento, sosta d'obbligo Capo Palinuro, con le sue grotte, l'Arco Naturale, la baia del Buon Dormire, l'isolotto del Coniglio. Per chi vuole proseguire la crociera verso Sud, il golfo di Policastro vi accompagnerà in uno scenario unico e selvaggio, fatto di baie e insenature di sabbia bianca, acque cristalline, immerse in una macchia mediterranea lussureggiante. Fra queste la Baia Infreschi (vicino Marina di Camerota) vi stupirà per la sua bellezza.

AGROPOLI

È definita la porta del Cilento, tappa obbligata per chi naviga lungo la costiera Cilentana. L'originario e caratteristico borgo medioevale, molto carino da visitare, è arroccato su un piccolo promontorio roccioso attorno a cui si sono sviluppati i quartieri moderni dell'abitato. Il centro storico di Agropoli assicura una passeggiata ed una serata veramente caratteristica, tra i vicoli e le salite del borgo medioevale, dove locali e ristoranti delizieranno i vostri palati con tipici piatti locali.

Per chi volesse soggiornare per più di un giorno, e fare delle escursioni a terra, Agropoli è la base logistica ideale per una visita archeologica alle rovine di Paestum. Passeggiata al Castello. Il castello aragonese di Agropoli regala ai visitatori splendidi scorci. Proprio la sua posizione ha ispirato artisti e scrittori tra cui Marguerite Yourcenar, che in uno dei suoi racconti si è lascata guidare dal fascino dei suoi colori e della sua storia. Dai primi insediamenti dei coloni Greci, alle invasioni Saracene, dai sovrani aragonesi a Luisa Sanfelice, tanti sono stati i protagonisti delle sue vicende storiche e non solo!

PUNTA LICOSA E CASTELLABATE

Un angolo di paradiso di straordinaria bellezza con la sua lussureggiante pineta che arriva fino al mare, una risorsa naturalistica di inestimabile valore, fonte di biodiversità; infatti lo specchio di mare su cui si affaccia è un'area marina protetta. Al navigante Punta Licosa si presenta bassa e prominente, prolungandosi verso il largo con l'isolotto omonimo, basso e roccioso, sormontato dalla torretta di un suggestivo faro.

Dopo Punta Licosa, si apre la baia dell'Ogliastro. Caratterizzata da bianche spiagge, mare cristallino, contornata da una macchia mediterranea tra le più belle in assoluto del Tirreno. La sosta è qui possibile o al piccolo porto di S. Marco di Castellabate, oppure in rada sul lato sud del promontorio di Punta Licosa.

ACCIAROLI

È un accogliente e caratteristico borgo di pescatori (divenuto famoso per la visita dello scrittore Ernest Hemingway che pare che qui abbia preso lo spunto per il suo famoso romanzo "II vecchio e il mare"), tappa d'obbligo per chi naviga lungo la Costa del Cilento. Con il passare del tempo Acciaroli è divenuta località turistica balneare di rilevanza nazionale, conserva ancora intatto il suo aspetto urbanistico con case in pietra e vialetti adornati da fiori gentili. Acciaroli vanta un mare tra i più puliti d’Italia, premiato con l'assegnazione, ormai ventennale, della Bandiera Blu.

Tra i luoghi d'interesse architettonico del posto, consigliamo, di visitare la chiesa dedicata all'Annunziata edificata nel 1100 e la Torre Normanna esistente già nel 1233, anno in cui l'imperatore Federico II la fece inserire fra le torri di guardia del litorale.

Fiore all'occhiello di Acciaroli è il suo porto turistico. L'estremità del molo è sormontata da una statua bianca della Madonna, che è buon punto di riferimento per i naviganti.

PALINURO

Seguendo la litoranea è un susseguirsi di panorami di bellezza magica, fino al leggendario promontorio di Capo Palinuro, dal nome del fedele nocchiero di Enea, che si eleva prominente a picco sul mare e costituisce il miglior punto cospicuo di tutta questa costa; esso è sormontato da due edifici bianchi - il faro e la torre del vecchio semaforo - molto ben in vista. Palinuro è un centro balneare noto a livello internazionale; molto frequentato in estate. Il paese di Palinuro si trova a circa 1 km dal porto (il collegamento paese - porto è assicurato dal servizio navetta). Il porto è in realtà un approdo ricavato nell'insenatura Nord di Capo.

Tutta la bellezza di Capo Palinuro è sul versante meridionale, dove si trovano ancoraggi e baie di grande fascino. Lasciato il porto di Palinuro e procedendo verso Sud, il diportista potrà ammirare una bellissima sequenza di cale e grotte di incontaminata bellezza. E questo fino all'isola del coniglio, che delimita la cala del Buondormire, dalle acque cristalline e con la spiaggia più romantica della costa. Continuando a navigare, da non perdere l'arco naturale che si mostra con tutta la sua bellezza. Consigliamo una grande giornata in una di queste baie contornate da una natura strepitosa.

MARINA DI CAMEROTA

Poco lontano da Capo Palinuro, immersa in una lussureggiante macchia mediterranea di olivi mastodontici e secolari, nell’incanto di uno scenario meraviglioso e incantevole, spicca il grazioso paesino di Marina di Camerota, meta di grande rilievo per il turismo estivo. Il suo porto rappresenta certamente l’opera più importante del luogo. La costa intorno a Marina di Camerota è caratterizzata da spiagge bellissime di sabbia chiara, che rendono ancora più belli i colori dei fondali, e da una serie di selvagge insenature e calanche.

La più rinomata di queste insenature: è Baia Infreschi, che delimita l'estremità Occidentale del Golfo di Policastro. È una magnifica calanca, in uno scenario unico e selvaggio, orlata da piccole spiagge con fondali chiari, separate da punte rocciose che rendono questa baia uno dei più bei ancoraggi della costa.