Costiera Amalfitana, il Patrimonio dell’Umanità



COSTIERA AMALFITANA

La Costiera Amalfitana detta la "costa delle sirene", costituisce il versante meridionale della Penisola Sorrentina che divide il golfo di Napoli da quello di Salerno. Di origine calcarea, possenti scogliere si tuffano nel mare caratterizzando tutta la Costiera Amalfitana con insenature di straordinaria bellezza, come la baia di Ieranto, la splendida Grotta dello Smeraldo a Conca dei Marini e il Fiordo di Furore.
Potete esserne certi che la costiera Amalfitana vi stupirà per la sue bellezze mozzafiato, e per i tanti scorci suggestivi che si aprono lungo la costa come l'incantevole fiordo di Furore. Dal mare sarete spettatori privilegiati di uno spettacolo paesaggistico unico al mondo.

POSITANO

È il vero gioiello della Costiera Amalfitana. Incastonato come un diamante prezioso nella montagna, avvolto dalla ricca vegetazione mediterranea, Positano, è un borgo così pittoresco da sembrare una scenografia teatrale. Visto da mare offre uno spettacolo che fa pensare ad un dipinto. Il bianco mediterraneo delle case, i fiori di buganvillea che ricoprono i tetti, le cupole maiolicate e il dolce degradare delle abitazioni verso il mare, fanno di questo posto uno scenario naturale meraviglioso. Il paese si sviluppa in verticale con le abitazioni addossate le une alle altre, caratterizzate dai portichetti ad archi verso il mare. Le strette stradine, con le numerose boutiques (Positano è famosa per un suo stile di moda fatta di abiti colorati) scendono ripide tra le case sfociando nella Marina Grande (il vero centro di Positano dove sono presenti numerosi ristoranti e locali), dove c'è un'ampia spiaggia. Sulla piazza principale di Positano spicca la chiesa di Santa Maria Assunta (esistente già nell'anno mille), caratteristica per la sua cupola rivestita di maioliche colorate.

Positano è una meta molto apprezzata per le vacanze estive dei Vip. Personaggi illustri dell'arte, della moda, e dello spettacolo amano trascorre qui giorni di vacanza.
Incantevoli le spiaggette di Positano: Fornillo, Fiumicello, Arienzo.

AMALFI

È il centro principale e l'anima storica della Costiera che prende il suo nome. Antica Repubblica Marinara ricca di storia e tradizione.
L'abitato di Amalfi sembra racchiudersi nel cavo di una mano tra il mare, guardata dal suo porto, e i Monti Lattari, una scenografia davvero unica; dove le memorie storiche s'intrecciano a bellezze naturali molto suggestive.

Il fulcro di Amalfi è la sua caratteristica piazza dove spicca l'imponente mole del Duomo di epoca Bizantina, del IX sec. (colpisce l'imponente facciata policroma della chiesa illuminata da smalti e mosaici e dal timpano dorato). La sua posizione scenografica, alla sommità di una ripida scalinata, conferisce alla piazza un aspetto architettonico di notevole pregio.

I pittoreschi vicoli di Amalfi, frequentati da flotte di turisti provenienti da ogni parte del mondo, ospitano numerose boutique, locali e ristoranti dove poter assaggiare i piatti tipici della cucina locale.

Per chi ad Amalfi vuole dedicare più di un giorno, meritano una visita gli Antichi Arsenali, dove venivano costruite le famose galee con oltre cento remi. Da Amalfi si può raggiungere in taxi o con bus locali la famosissima Ravello situata a 350 metri di altezza dove si possono scorgere panorami mozzafiato su tutta la Costiera Amalfitana.

MAIORI E MINORI

Con la sua lunghissima spiaggia e il bel lungomare Maiori vanta un numeroso numero di alberghieri, un patrimonio turistico alberghiero più notevole della Costiera Amalfitana. Ruderi di castelli e torri testimoniano il suo splendore nel Medioevo, quando era circondata e difesa da mura e fortificazioni.
L'edificio più importante di Maiori è la chiesa di Santa Maria a Mare.
Ma Maiori offre anche uno splendido mare cristallino in cui immergersi, da visitare la Grotta Sulfurea e la Grotta Pandora. La prima è ricca di acqua sulfurea-magnesiaca con proprietà curative; nella seconda, riflessi color smeraldo sulle pareti dove spiccano stalattiti e stalagmiti, creano uno scenario molto suggestivo.
Ci sono degli angoli veramente idilliaci in cui rilassarsi e trovare un po' di pace come la baia di Salicerchie e Cala Bellavaia, famosa come spiaggia "del Cavallo Morto", e anche la zona "Badia" e Capo d'orso, contraddistinta da gole e rocce dalle figure particolari.

Per chi riuscisse a trovare posto nel porticciolo di Maiori, consigliamo di fare una visita alla vicina e graziosa Minori (raggiungibile anche a piedi). Con le sue casette rosa a dominare la piccola spiaggia Minori è una località balneare incantevole, offre ai visitatori un paesaggio splendido.

CETARA

Navigando lungo la Costiera Amalfitana, un poco prima di Salerno, s'incontra Cetara. Questa deliziosa località, è sempre stato un borgo di pescatori, e infatti il suo nome deriva dai "Cetari”, i formidabili cacciatori di tonni. Cetara fu l’ultima città della Federazione Amalfitana, sua porta d’ingresso e suo bastione. Senza dubbio Cetara è uno dei gioielli della Costiera Amalfitana, con le sue case dalla pittoresca architettura bianca, e la sua spiaggia raccolta dinanzi alla piazzetta. Tra l'edilizia spontanea fatta di casette cubiche spicca la chiesa di San Pietro con la cupola maiolicata e il campanile duecentesco a bifore.

Cetara è un placido borgo operoso, vive un'esistenza tranquilla, fatta di turismo estivo e pesca invernale, dove si può ancora apprezzare una vera atmosfera marinara. È uno di quei luoghi che meritano di essere visitati dai diportisti durante una crociera.